Cutrofiano  73020  (LE) , Cutrofiano    Via-Piazza Via Bovio

Museo comunale della ceramica

È possibile navigare le slide utilizzando i tasti freccia

Il Museo della Ceramica di Cutrofiano è stato istituito nel 1985 per raccogliere e custodire i prodotti in terracotta tradizionali realizzati dagli artigiani figulini locali, per narrare attraverso la produzione ceramica, la storia della vita quotidiana delle comunità tradizionali del Salento e preservare la memoria dell’attività che tanto ha contraddistinto Cutrofiano sin dall’antichità. Infatti, l’attività figula di questo importante centro salentino è documentata sin dalla preistoria e si è protratta incessantemente fino ai giorni nostri, anche con opere di grande pregio, grazie anche alla presenza delle cave di argilla che hanno fortemente caratterizzato la vocazione produttiva del luogo. Il Museo della Ceramica è attualmente ubicato al primo piano nella sede dell’ex Municipio di Cutrofiano, elegante edificio risalente al XIX secolo, tra Via Bovio e Piazza Municipio, al centro del paese, recentemente restaurato. Nello stesso stabile, al piano terra, sono presenti l’Info Point, la Biblioteca Comunale di Cutrofiano che contiene una fornita sezione dedicata alla ceramica e all’arte figulina. Insieme costituiscono il Polo Museale di Cutrofiano, contenitore e luogo di cultura e di promozione del territorio cutrofianese. Attualmente il Museo della Ceramica di Cutrofiano ospita una pregevole collezione di opere d’arte figulina organizzate in cinque sezioni. Nella sezione tecnologica è esposta una serie di strumenti ed attrezzi che gli artigiani sapientemente utilizzavano per plasmare la materia e creare gli oggetti. Si va dal tornio per la modellazione dei vasi, alla pila per la preparazione degli smalti di origine minerale, ai pennelli realizzati dagli stessi artigiani e utilizzati nella fase decorativa, sino agli accessori necessari nella fase di cottura dei vasi. Nella sezione storico-archeologica è esposto materiale ceramico ritrovato durante gli scavi archeologici condotti nel territorio cutrofianese. Si tratta di oggetti ceramici preistorici, messapici, romani, medievali e post-medievali. Nel Medioevo Cutrofiano rappresentava un centro di produzione molto importante soprattutto per la realizzazione di oggetti ceramici invetriati di vario tipo e di pregevole esecuzione. Infatti, un determinato tipo di ciotola decorata con foglie lanceolate contrapposte è stato denominato del tipo “Cutrofiano”, di cui si trovano esempi anche in altri contesti salentini. Nella sezione storico-artistica sono custodite le pregevoli ceramiche dipinte e maioliche prodotte tra il XVII e XIX secolo. Si tratta di oggetti provenienti da alcuni dei più rinomati centri ceramici pugliesi e dell’Italia meridionale. Sono esposti piatti,brocche, vasi, oggetti votivi come le acquasantiere e le mattonelle smaltate votive, gli albarelli di produzione napoletana ed i catini. E’ esposta, oltre la produzione locale, quella di Grottaglie, appartenente al XIX secolo, ed i bellissimi pezzi della ceramica di Laterza. La sezione antropologica raccoglie un cospicuo numero di oggetti di uso quotidiano, quasi tutti di produzione locale. Si tratta di oggetti in terracotta usati fino a pochi decenni fa, quando furono soppiantati dall’avvento degli oggetti in plastica che risultarono essere più economici. Nella ceramica d’uso le forme sono svariate, perché rispondono alle innumerevoli esigenze della vita quotidiana e della società contadina. Sono esposti pentole, zuppiere, piatti, pestelli, boccali, vasi per la conservazione delle derrate alimentari, brocche, bacinelle, scolapiatti, lucerne ecc. Molto particolare è la ricchissima sezione dedicata ai fischietti in terracotta, provenienti dalle diverse regioni d’Italia e dalle più disparate parti del mondo. Le tipologie sono varie, decorate, composte figurative ecc., la maggior parte proviene da una collezione privata che è stata donata al Museo della Ceramica dal Sig. Mario Briosi che ha visto nel museo il miglior luogo per conservare ed esporre i suoi oggetti. Frutto della raccolta di una vita, la collezione Briosi è composta da oltre quattrocento esemplari. I fischietti italiani comprendono quelli tradizionali, come gli esemplari piatti e coloratissimi di Caltagirone o i caratteristici “cuchi” veneti, i coloratissimi fischietti materani e murgiani, e quelli moderni alcuni dei quali sono molto conosciuti come il ferrarese Biavati.

Data ultimo aggiornamento: 10/03/2021

Documenti

Info & Contatti

Luogo della Cultura

Codice Carta Beni Culturali Regione Puglia
LELDC000008
Ente Gestore

    Relazioni con altri beni

    Indica se il Luogo della Cultura è contenuto in un altro Bene
    Contenitore
    Relazioni dirette

      Condizione Giuridica ed Enti competenti

      Indica la condizione giuridica del Luogo della Cultura (proprietà o detenzione pubblica, privata, ente religioso o mista) e gli enti competenti sotto la cui competenza ricade la tutela o la delega alla tutela del luogo della cultura.
      Condizione Giuridica
      Detenzione Ente pubblico territoriale
      Enti Competenti
        Proprietario
        Comune

        Dati analitici

        Informazioni di dettaglio sul Luogo della Cultura (denominazione, descrizione, categoria tipologia, responsabile, anno di istituzione e di apertura al pubblico, ecc…)
        Sinonimo
          Tipologia prevalente
          Museo, galleria non a scopo di lucro e/o raccolta
          Altre tipologie
            Categoria prevalente
            Etnografia e antropologia
            Altre categorie
              Stato
              Aperto al pubblico
              Mostre temporanee
              No
              Responsabile
              Dott.ssa Muscatello Giovanna
              Anno istituzione
              1985
              Fonte normativa
              Delibera di Giunta Comunale
              Budget autonomo
              No

              Orario & Piano apertura

              Informazioni riguardanti la pianificazione delle aperture e gli orari di apertura giornalieri.

              Accessibilità e servizi al pubblico

              Elenco delle dotazioni, dei servizi offerti al pubblico sia fisici che web (bookshop, visite guidate, guardaroba, caffetteria, wi-fi free, servizi per l’infanzia, prenotazioni biglietti, app per dispositivi mobili, ecc…), informazioni sull’accessibilita’ ai disabili.
              Accessibile per disabili fisici: Si
              Accessibile per disabili visivi: No
              Accessibile per disabili uditivi: No
              Accessibile per disabili intellettivi: No
              Accessibile per altre disabilità: No
              Ingresso disabili da ingresso principale
              Ingresso disabili da ingresso secondario
              Servizi igienici dedicati ai disabili
              Servizio Web
                Servizio al pubblico
                  Supporto fruizione
                    Struttura
                      Supporto informativo in lingua
                        Figura professionale

                          Servizio Biglietteria

                          informazioni sul servizio di biglietteria: denominazione, indirizzo, numero di telefono, e-mail e sito web.

                          Informazioni periodiche-Attività

                          Attività: Informazioni sui flussi di visitatori o su determinate attività (interventi conservativi, nuovi allestimenti, progetti di ricerca, acquisizione nuovi beni, interventi di valorizzazione, ecc…) che possono riguardare, periodicamente, il Luogo della Cultura
                          Periodo
                          24/02/2021
                          Attività realizzate

                            Presenza in altre banche dati

                            Informazioni riguardanti l’eventuale presenza del Luogo della Cultura in altre banche dati (ISTAT, ICCD, DBunico, ecc…) e relativo codice identificativo.